Trovare la voglia di pulire

Se siete qui, a leggere queste righe, significa che qualcosa è scattato dentro di voi, siete stufi di una casa in disordine e poco pulita, avete voglia di un cambiamento, ma siete demotivati.

Fonte: Pinterest

Per invogliarvi a svolgere le odiate incombenze domestiche oggi vi do qualche consiglio, spero utile.

Innanzitutto chiudete gli occhi e immaginatevi le situazioni piacevoli che un ambiente rilassante e profumato può regalarvi.

Continua a leggere

Creta

La voglia di tornare a viaggiare era tanta, il green pass l’avevo appena ottenuto e così sono partita i primi di Agosto per la mia amata Grecia, con precisione io e mio marito siamo andati a Creta.

Se devo dirvi la verità Creta non è stata all’altezza delle mie aspettative, penso che di tutte le isole della Grecia che ho visitato è la meno tipica, ma devo riconoscere che ha una delle più belle spiagge che ho mai visto, quella di Elafonissi, sembra una laguna dai colori meravigliosi e una spiaggia bianca.

Continua a leggere

Bucato profumato

Odio fare il bucato, ma un regalo natalizio mi ha invogliato a lavare tutti i tessuti di casa.

Mi è stato regalato un profumatore per tessuti da versare nella vaschetta dell’ammorbidente, poi per l’asciugatrice 3 palline di lana con il profumo concentrato da versare su ogni pallina e delle perle profumate che posso posizionare nell’armadio.

Continua a leggere

Il cassetto per le posate

Per avere in ordine la cucina c’è anche bisogno che le posate nel cassetto siano organizzate dentro un portaposate.

Fortunatamente la mia cucina al momento dell’acquisto era già dotata di questo inserto, il mio è estraibile, in legno ed ha una misura così precisa che certe volte fatico a tirarlo fuori per pulirlo.

Per chi dovesse acquistarlo consiglio innanzitutto di tener conto delle dimensioni del vostro cassetto, le misure dei portaposate in vendita di solito sono standard, ma ne esistono di rigidi, di componibili e di estendibili.

Continua a leggere

L’importante è andare avanti

E’ da tanto che non pubblico qualcosa, sono successe molte cose spiacevoli nella mia vita, tutto amplificato da questa situazione paradossale.

Non mi va di condividerle con voi, scusatemi ma non riesco neanche a condividerle con chi mi sta vicino, devo trovare da sola la forza per andare avanti.

Oggi è uno di quei giorni che mi sono alzata abbastanza positiva, ho voglia di riprendermi la mia vita e perchè no, di ricominciare a condividere con voi qualche post, ora non so se riuscirò a pubblicare regolarmente come facevo una volta, però l’intenzione c’è.

Secondo me il Natale è terapeutico, iniziare a pensare ai preparativi per questa festa mi tiene la mente occupata e anche se già so che sarà un Natale sottotono, ho il desiderio di riappropriarmi dei piccoli piaceri che mi sono fatta mancare in questi mesi, spero di riuscirci.

Basta con le parole… c’è da pubblicare!!!!!

La strada giusta

Quanta gente ho sentito rivalutare la propria vita subito dopo finito il periodo di lockdown, l’ultima oggi, dove una signora mi ha detto: ho passato tutta la mia vita solo a lavorare e non me la sono goduta.

Appena ho perso il lavoro mi sono sentita vuota, ma già dai primi mesi con meno impegni ho ritrovato me stessa.

Adesso passato quel brutto periodo che abbiamo vissuto tutti , sono sempre più consapevole che aver perso il lavoro mi ha dato nuove opportunità, chiusa una porta si apre un portone. Continua a leggere

Non è tempo per i doveri

Questo blog ha sempre pubblicato post utili per essere avere una casa perfetta, sicuramente con questo periodo di quarantena avete avuto tantissimo tempo per riordinare le vostre case, quindi  mi sembra banale in questi giorni fare un post sui doveri domestici, c’è e ho bisogno di spensieratezza, di pensare soltanto ad una mia futura vita di piaceri.

Certo alla mia casa penso sempre, soprattutto non vedo l’ora di vedere nei negozi i nuovi arrivi per poterla decorarla con freschi colori estivi, ma la mia prima necessità in questo periodo è di fare lunghe passaggiate, non ho paura della distanza sociale, ma più di tutto ho paura che ci voglia troppo tempo per tornare alla mia normale vita quotidiana che ho dato troppe volte per scontata.

Quindi scusatemi se pubblico poco, ma quei pochi “piaceri” che in questo periodo mi ritaglio, sono davvero importanti per me.

 

 

 

Alla ricerca di pace

cropped-20170814_182937.jpg

La pesantezza di questo periodo si fa sentire, soprattutto la notte non riesco più a dormire, di giorno mi tengo attiva facendo yoga, qualche lezione d’inglese, leggendo, ma è solo dopo aver svolto tutte le solite incombenze giornaliere che cerco di scrollarmi di dosso tutta questa situazione inverosimile, chiudendomi in bagno.

Certo se ero sola in casa, il relax era maggiore, però entrando in questa stanza non ho più nessuna interferenza, sono solo io e non so voi ma io tantissime volte ho bisogno solo di solitudine. Continua a leggere

Organizzare i cavi usb e caribatterie.

A casa circolano auricolari, cavetti usb e caribatterie di smartphone, fotocamere digitali e tablet, li ho raggruppati tutti dentro una piccola cassettina, sistemata sopra la scrivania zona ufficio, ma siccome è sempre una grande confusione trovarli e tenerli in ordine, ho deciso in questi giorni dove il tempo non manca di organizzarli un po’ diversamente.

Continua a leggere

Stare a casa: pensieri.

In TV si discute solo di questa emergenza sanitaria, così, visto i primi giorni di profonda ansia, ho limitato a minimo la visione dei notiziari, oltre a questo per essere più serena mi sono concentrata su tutte le cose belle che voglio fare finito questo periodo.

Mi manca sentirmi libera il vento sulla mia faccia, le lunghe passeggiate in riva al mare, e quindi appena sarà possibile, preparo la valigia e parto. Continua a leggere