Ispirazione viaggi

box viaggio

Fonte: Pinterest

Quando non viaggio, mi rende felice ricordare le mie vacanze e molte volte mi viene in soccorso Pinterest per trovare nuove ispirazioni sul prossimo viaggio.

Proprio su questo social network ho trovato dei progetti legati ai viaggi che mi piacerebbe realizzare.

Continua a leggere

Nostalgia di lettere e cartoline

Nostalgia_lettere_e_cartoline[1]Ma ve lo ricordate come era bello ricevere tra la posta oltre alle bollette, cartoline e lettere scritte a mano?

In questa stagione un po’ nostalgica, mentre guardavo le foto delle vacanze ormai trascorse, pensavo alle cartoline spedite.

Io sono ancora di vecchio stampo e continuo a spedire cartoline dai luoghi che visito, ma ultimamente con tutta la tecnologia che c’è, chi Continua a leggere

Gli odori di casa

l'odore di casaQuest’anno sono stata in vacanza in un’ isola greca, mentre ero in un ristorante ho percepito l’odore di alcune piante aromatiche e subito mi è venuta in mente casa.

Stessa cosa quando ho appoggiato la faccia sul caldo asciugamano da mare, si sentiva l’odore di casa legato al sapore della brezza marina. Continua a leggere

Il posto che non ti aspetti

New YorkNelle sere più fredde, quando in tv non c’è niente, mi piace tirare fuori gli album fotografici per rivivere i piacevoli momenti delle vacanze, ma c’è un posto che mi è entrato particolarmente nel cuore, senza rivedere nessuna foto e che nel ricordarlo mi strappa sempre un sorriso, ogni volta che sono triste.

Ho sempre ritenuto insensato visitare una metropoli, per me era solo una distesa di cemento caotica, preferivo itinerari storici o naturalistici fino al giorno quando mio marito, ha ritenuto opportuno fare tappa a New York e da qui è iniziato un sogno. Continua a leggere

Sorpresa inaspettata

Che sorpresa la scorsa domenica, nella mia stessa spiaggia, dove regna la pace, vedo arrivare in lontananza la mia famiglia.

Da lontano sembrava la famiglia Fantozzi, mamma (La Pina), era stracolma di cose, un ombrellone e la borsa con i teli mare a destra e un mini frigo portatile a sinistra, naturalmente il frigo era rigorosamente pieno di frutta e di acqua per mio padre, che deve stare sotto l’ombrellone con tutti i confort possibili, senza muovere un piede.

Bè, babbo stavolta mi ha sorpreso, portata una sdraio con se e per lui già è tanto.

Mi ricordo le mie vacanze con loro, io piccola, che puntualmente mi appioppavano la solita borraccia arancione contente 2 litri d’acqua che pesava quando un colpo e siccome babbo voleva stare libero, mi caricava anche con la borsa contenete la macchina fotografica e non pensate che era un piccola macchina digitale, no, era una cosa enorme con due obiettivi talmente lunghi che in confronto quelli dei paparazzi di adesso fanno ridere. Continua a leggere

La soffitta dei ricordi

soffittaNon so voi, ma quando ero piccola, adoravo giocare in soffitta, mi piaceva come rifugio quel luogo misterioso e pauroso pieno di cianfrusaglie, soprattutto nel periodo dei temporali estivi, quando il cielo diventava scuro dal lucernaio filtrava poca luce e sentivi la pioggia ticchettare così vicina, oppure d’inverno quando il grosso fuoco della soffitta prendeva vita, mentre nonna era lì intenta a cucinare, io giocavo tra bauli e vecchi libri. Continua a leggere

I vecchi doveri che ricordiamo con piacere

Ricordi piacevoliuovo sbattutoMolte volte mi soffermo a pensare come il tempo sia volato così velocemente, con un po’ di malinconia, ma anche con un buffo sorriso stampato in faccia ricordo i tempi passati.

Quante ruzzolate all’aria aperta ci siamo fatti, ma ad un certo punto la mamma ci chiamava e noi dovevamo lasciar perdere di giocare a malincuore, perché era ora di rientrare e di fare merenda.

Poi è arrivato il tempo in cui far merenda è diventato un piacere perché era un modo per prenderci una sana pausa dai compiti.

Proprio sana, visto che la nonna non ci faceva mangiare le solite merendine confezionate, ma pane e olio.

Ricordo ancora la sua “panzanella”, dalle nostre parti la ricetta originale prevede fette di pane raffermo che vengono bagnate e condite come se fosse una bruschetta, ma mia nonna me la faceva nel modo più semplice possibile utilizzando olio, aceto e sale. Continua a leggere